Milano

milano centro

Milano

Milano è una delle città più alla moda d’Italia, e non è un caso: qui tutti gli anni, a settembre, si svolge la Milano Fashion Week, durante la quale si possono ammirare in anteprima le creazioni dei più celebri stilisti mondiali; Carla Gozzi ed Enzo Miccio dirigono lo show Shopping Night nella Rinascente di Milano, il primo grande magazzino dedicato al lusso aperto in Italia e che ha avuto come creatore nientedimeno che Gabriele D’Annunzio e, non da ultimo, sono presenti alcune delle vie più famose dello shopping, come via Torino, corso Montenapoleone e corso Buenos Aires.

Milano non non solo moda

Milano però non è solo il paradiso di ogni fashionista che si rispetti, ma ospita anche numerose attrazioni storiche e artistiche, come la Cattedrale Tardo Gotica più grande del mondo, il dipinto dell’Ultima Cena, il famoso Teatro della Scala, il museo della scienza e della tecnologia dedicato al genio di Leonardo Da Vinci, la basilica da cui Sant’Ambrogio, uno dei padri fondatori del Cristianesimo, conduceva la maggior parte delle sue lotte per la Chiesa e il cimitero in cui è sepolto Alessandro Manzoni, autore de I Promessi Sposi.

Cosa vedere a Milano

Il centro storico di Milano, che in apparenza può sembrare “molto piccolo”, è concentrato soprattutto tra la Piazza Duomo e il Castello Sforzesco e custodisce alcune delle attrazioni turistiche più famose di Milano. La lista comprende:

  • Il refettorio della Chiesa di Santa Maria delle Grazie, che racchiude il celebre affresco di Leonardo Da Vinci, L’Ultima Cena (o Cenacolo). Sebbene l’edificio sia stato bombardato nel 1943, l’affresco è sopravvissuto e, ancora oggi, lo si può ammirare in tutto il suo splendore. Per accedere, è necessario prenotare la visita in anticipo.
  • Il Duomo di Milano: la cattedrale tardo gotica più grande del mondo e la terza chiesa più grande d’Europa. La sua costruzione iniziò nel 1386 e durò ben cinquecento anni! La sua facciata in marmo, un esemplare notevole di gotico fiorito, è dotata di 135 guglie e di 3200 statue, la più famosa delle quali è la madonnina d’oro, situata sulla cima e che è anche protagonista di numerose canzoni del folklore milanese. All’interno del duomo si trova un crocifisso in cui è presente un chiodo originale proveniente dalla croce di Cristo
  • Il Teatro la Scala: è il teatro dell’opera più famoso di Milano, capace di contenere più di 2000 persone. Costruito nel 1778, ospita anche un museo e, nel giorno di Sant’Ambrogio (7 dicembre), qui si tiene una prima che viene trasmessa anche in diretta nazionale e internazionale e alla quale partecipano molti vip.
  • Galleria Vittorio Emanuele II: è una galleria sormontata da un tetto imponente in vetro, dove si trovano negozi di lusso, bar e ristoranti. Costruita nel 1867, collega il Duomo al Teatro della Scala e nasconde mosaici con i simboli delle città che formavano la nuova Italia unita.
  • Castello Sforzesco: edificato originariamente durante il XVesimo secolo, si trova a pochi passi dal Teatro Piccolo di Milano e dall’Acquario Civico. Appartenuto dapprima ai Visconti, venne poi distrutto e ricostruito dagli Sforza. Al suo interno, dal XIXesimo secolo, ospita ben dieci musei, i più interessanti dei quali sono il museo degli strumenti musicali, il museo archeologico, il museo della Pietà Rondanini e il museo del mobile.
  • Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci: situato in corso san Vittore, a pochi passi dalla basilica di Sant’Ambrogio e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore, il museo offre una storia della scienza e della tecnologia a partire dalle prime macchine costruite da Leonardo da Vinci e offre anche numerose attività per i bambini.
  • Chiesa di Sant’Ambrogio: costruita nel quarto secolo, è la chiesa dedicata a Sant’Ambrogio, il patrono di Milano. È costruita in stile romanico e, oltre ad un bel piazzale esterno, all’interno ospita antiche steli, quadri, mosaici e una cripta con la reliquia di Sant’Ambrogio e i corpi di altri due santi.
  • Pinacoteca di Brera: iniziato originariamente da Napoleone, è la galleria d’arte più prestigiosa di Milano. Ospita più di 600 dipinti, suddivisi in 40 stanze, è si trova nelle vicinanze dell’omonima accademia d’arte.

Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore

Questa piccola chiesa di solito viene “sdegnata” dai turisti e poco citata dalle guide turistiche a causa del suo esterno spoglio, ma una volta superata la soglia dell’ingresso, si accede ad un vero e proprio tesoro: un’autentica “Cappella Sistina” milanese affrescata dal Luini e dagli altri allievi di Leonardo da Vinci.

La chiesa, dopo i lavori di restauro, è stata aperta al pubblico nel 2013 ed è visitabile gratuitamente. Al suo interno, oltre ad una serie infinita di affreschi che sembrano perdersi a vista d’occhio e che lasciano a bocca aperta, si può ammirare un organo e i banchi su cui, fino a non pochi anni fa, si sedevano le suore di clausura.

Cimitero Monumentale di Milano

Il cimitero monumentale di Milano, sebbene possa sembrare un po’ lugubre, è uno dei luoghi assolutamente da non perdere. Si trova a pochi passi dalla fermata “Monumentale” (linea viola della metropolitana) e, al suo interno, sono sepolti alcuni dei personaggi più famosi di Milano, come il direttore d’orchestra Arturo Toscanini, il compositore Umberto Giordano, gli scrittori Alessandro Manzoni, Salvatore Quasimodo e Bruno Munari, solo per citarne alcuni, l’inventore del teatro canzone Giorgio Gaber e la coppia d’oro della comicità italiana, Dario Fo e Franca Rame.

Giuseppe Verdi, autore de L’Aida e di altre opere conosciute in tutto il mondo, nel 1901 venne inizialmente sepolto qui nel corso di una cerimonia privata, ma un mese dopo venne traslato nella tomba della Casa di Riposo dei Musicisti di Milano, dove si trova ancora oggi a fianco della moglie.

Altri monumenti e luoghi turistici da non perdere a Milano sono:

  • Il museo del fumetto “Wow”
  • Palazzo Reale
  • Il museo del Novecento
  • Il binario 21 (locazione: stazione ferroviaria “Milano Centrale”, sotterraneo)
  • Parco Sempione
  • Triennale di Milano
  • Biblioteca Ambrosiana
  • Navigli
  • La vigna di Leonardo
  • Casa Manzoni
  • Parco Nord di Milano

Weekend a Milano

Se hai a disposizione soltanto 24, o 48 ore, per vedere Milano e non vuoi perderti le sue attrazioni principali, inizia il tuo primo giorno nel capoluogo lombardo con una visita al Duomo, uno dei monumenti più fotografati e conosciuti in tutto il mondo.

In seguito, a seconda di quali siano i tuoi interessi, puoi scegliere se andare a dare un’occhiata alla Galleria Vittorio Emanuele II, alla Rinascente di Milano oppure esplorare via Torino, una delle strade dello shopping milanese, che si trova dietro la facciata laterale nord del Duomo.

Dopo aver consumato un pranzo veloce (nella zona del Duomo si possono trovare numerosi fast food per tutti i gusti e dove si può mangiare spendendo poco, come lo Spizzico e il classico McDonald), prendi la metrò gialla (fermata: Duomo) e recati fino alla fermata “Centrale”.

Da qui puoi prendere la metrò verde e recarti fino alla fermata “Lanza” e andare a vedere il Castello Sforzesco, il Teatro Piccolo o l’Acquario Civico di Milano, oppure scendere alla fermata “Sant’Ambrogio” per andare a visitare la piccola chiesa romanica di Sant’Ambrogio, gli affreschi della Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, il Cenacolo di Leonardo da Vinci o, se la scienza e la tecnologia sono le tue passioni, il Museo della Scienza e della Tecnologia.

La sera invece, questo se prevedi di uscire o non sei troppo stanca di girare, prendi di nuovo la metrò verde e scendi alla fermata “Porta Genova”: da qui infatti potrai raggiungere in meno di 5 minuti la zona dei Navigli, sonnacchiosi di giorno, ma che la sera si animano con aperitivi, happy hours, eventi, musica dal vivo e ristoranti tipici.

Il secondo giorno recati alla Pinacoteca Brera (fermata della metrò verde “Lanza”) e fermati per pranzo al Fioraio Bianchi Caffè per provare il risotto alla milanese, mentre nel pomeriggio concediti un po’ di shopping lungo corso Buenos Aires, via Montenapoleone o corso Como.

Capodanno a Milano

Milano non è solo il luogo in cui è nato “accidentalmente” uno dei dolci più conosciuti della tradizione italiana, il panettone, ma è anche quello in cui le festività, Capodanno incluso, sono particolarmente sentite.

Per un milanese “tipo” il Natale inizia il 7 dicembre, giorno di Sant’Ambrogio, il patrono di Milano. Durante questa giornata, oltre al mercatino natalizio di piazza Duomo, inizia anche lo shopping per i regali di Natale e, per gli appassionati dell’opera, inizia la nuova stagione teatrale al Teatro della Scala e, per l’occasione, lo spettacolo di quella sera viene trasmesso anche in diretta televisiva sulla rete nazionale.

Capodanno in piazza del Duomo Milano

Per quanto riguarda invece il Capodanno a Milano, la piazza Duomo rappresenta il fulcro dei festeggiamenti: qui infatti ogni anno si tiene il tradizionale Concerto di Capodanno, durante il quale si esibiscono artisti italiani e internazionali.

Ristoranti capodanno Milano

Se, prima di andare in piazza, vuoi celebrare il Nuovo Anno in modo tradizionale, ti suggeriamo di prenotare in anticipo uno dei numerosi cenoni di San Silvestro che si tengono  nel capoluogo lombardo.

I più conosciuti e apprezzati dai milanesi si tengono all’Hosteria della Musica e al Ristorante Corallo, mentre se preferisci i sapori più etnici, recati al Kanji Fusion Restaurant, uno dei punti di riferimento della cucina giapponese a Milano.

Se ai cenoni di San Silvestro preferisci i party o ballare fino alle prime ore del mattino, in tal caso non hai che l’imbarazzo della scelta, perché a Milano la notte di Capodanno si fa tutto, fuorché dormire: l’Hollywood, la discoteca di corso Como, così come il The Club, il Viberoom, l’Old Fashion Club e il Le Banque per la notte del 31 dicembre propongono eventi e feste a tema per tutti i gusti, mentre se invece vuoi assaporare una notte di Capodanno da sogno, recati al Just Cavalli, una delle discoteche più amate (e frequentate) dai vip.

Cucina e sapori di Milano

I piatti milanesi si rifanno tutti alla tradizione lombarda e, quando lo si prova, sembra di essere capitati a casa della nonna durante il pranzo domenicale, ma come tutti i tesori che si rispettino, trovarli a Milano non è semplice, visto che trattandosi di una città multietnica, qui abbondano ristoranti e piatti di tutti i tipi, dal sushi fino al pollo tandoori, passando per il kebab e per lo gnocco fritto.

Il risotto alla Milanese

Il risotto alla milanese, che a volte può essere servito anche con la tipica cotoletta alla milanese, è senza dubbio uno di questi, ma nella lista sono presenti anche il bollito di carne, servito con verdure e salse, i mondeghili, delle specie di polpette fatte con i resti del bollito e gli asparagi con le uova all’occhio di bue.

I dolci tipici tipici

Per quanto riguarda i dolci, non ci sono dubbi: anche non in periodo natalizio, non c’è niente di più milanese del panettone, ma se vuoi fare qualche “strappo alla regola” e ami il cioccolato, in questo caso lasciati rapire dai cioccolatini e dalle altre delizie che potrai trovare nella pasticceria di Ernst Knam, il severo giudice di Bake Off Italy.

Dove dormire a Milano

Se decidi di trascorrere un weekend o più giorni a Milano, sappi che anche se questa città ha la fama di capitale del lusso e della moda in tutto il mondo, in realtà offre anche centinaia di proposte per i piccoli budget

Dormire in hotel di lusso a Milano

Gli hotel di lusso si trovano per lo più nelle zone centrali di Milano, come piazza Duomo, piazza san Babila, Castello Sforzesco, Brera e Porta Genova.

Dormire in hotel economici Milano

Se invece cerchi una sistemazione a poco prezzo, ti suggeriamo di dare un’occhiata agli hotel situati nelle vicinanze della stazione ferroviaria “Milano Centrale” o, meglio ancora, nei quartieri frequentati dagli studenti, come quello di Lambrate, dove si possono trovare sia hotel economici sia ostelli.

Come arrivare a Milano

Milano è collegata con il resto del mondo da due aeroporti, l’aeroporto di Milano Linate e l’aeroporto di Milano Malpensa, dove arrivano e dove partono la maggioranza dei voli nazionali e internazionali.

Arrivare da Milano Malepensa

L’aeroporto di Milano Malpensa è collegato con la stazione ferroviaria di “Milano Centrale” dai treni Tilo, che in linea di massima transitano tutte le ore.

In alternativa è possibile raggiungere la stazione di “Milano Centrale”, e quindi da lì il centro e tutte le zone di Milano tramite le cinque linee della metropolitana (linea gialla, linea verde, linea rossa, linea viola e linea blu), usando uno dei bus navetta (costo medio: dai 5 ai 10 euro a persona) che si possono trovare al di fuori degli aeroporti.

Arrivare a Milano in Treno

Per chi arriva in treno, Milano è facilmente raggiungibile con il treno Frecciarossa dalle principali città italiane, come Torino, Firenze, Bologna, Napoli e Roma, e anche dalla Svizzera con gli Eurocity e i treni regionali Tilo.

Milano può essere raggiunta anche dei centri più piccoli, come Desio o Seregno, prendendo uno dei treni regionali che fermano alla stazione ferroviaria di “Milano Porta Garibaldi”.

In linea di massima, a meno che non sia proprio necessaria, sconsigliamo di arrivare o di muoversi a Milano con la macchina, perché oltre ad essere servita da una rete di mezzi pubblici ben organizzata (e usata dall’80% dei milanesi!), muoversi lungo le sue strade (parecchio trafficate!) può rivelarsi un’impresa da Guinness dei Primati e far perdere anche tempo prezioso.

Informazioni turistiche Milano

Il clima a Milano è temperato e umido, con estati molto calde e inverni molto freddi. I periodi migliori per visitarla sono la primavera, l’autunno e l’inverno, in quanto durante l’estate la città si svuota gradualmente per il Ferragosto, quindi anche se alcuni alberghi rimangono aperti per i “pochi” turisti presenti, la maggior parte dei negozi e degli esercizi pubblici è chiusa.

Il prefisso di Milano è +39 e, spesso, i numeri fissi iniziano con uno 02.

Anche se il capoluogo lombardo è molto sicuro per il viaggiatore, ti consigliamo di prestare attenzione quando viaggi in metropolitana, soprattutto quando è molto affollata, perché è proprio qui che ci sono più rischi di subire piccoli furti da parte dei borseggiatori.

Non esibire bracciali e oggetti d’oro e, se hai con te uno zaino, toglilo dalle spalle e mettilo davanti a te. Se invece hai con te una borsetta, sistemala davanti a te, di modo che tu possa controllarla in ogni istante.

Se viaggi di notte, oppure ti piace uscire la sera, evita le vicinanze della stazione ferroviaria “Milano Centrale”, il quartiere Niguarda e il quartiere di Quarto Oggiaro: la prima infatti, nelle ore notturne, può diventare invivibile a causa della presenza di accattoni e di spacciatori, mentre i secondi due sono rinomati anche tra gli stessi milanesi per la loro pericolosità.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, se prevedi di viaggiare molto a piedi o di spostarti con i mezzi pubblici, prediligi un abbigliamento casual e comodo, con scarpe da ginnastica o che ti permettano di camminare bene senza stancarti: anche se Milano è la capitale della moda e dello shopping, non è per niente simpatico ritrovarsi dopo due ore con il mal di piedi a causa dei tacchi alti.