Passaporto da Rinnovare? Documenti Necessari e i Costi da Conoscere

Passaporto da Rinnovare? Ecco Come Fare, i Documenti Necessari e i Costi da Conoscere

Il passaporto è un documento fondamentale per ogni viaggiatore poiché, timbro dopo timbro, rappresenta una testimonianza dei luoghi visitati per lavoro o per vacanza. Nel caso di viaggi all’esterno dell’Unione Europea che siano stati effettuati negli ultimi 10 anni (cioè, la validità del passaporto), è importante controllare la data di scadenza del proprio documento prima di partire. In caso di necessità di rinnovo, ecco le informazioni utili e a chi rivolgersi.

Informazioni sul Passaporto Elettronico

Il passaporto può essere richiesto da tutti i cittadini italiani ed è stato sostituito dal documento elettronico nel 2006. Il passaporto elettronico ha una validità di 10 anni e contiene informazioni relative ai dati personali, foto e impronte digitali. Inoltre, sulla seconda pagina è presente la firma digitale, ma non per coloro che hanno meno di 12 anni, sono analfabeti o disabili.

Procedura per il Rinnovo del Passaporto

Per rinnovare il passaporto, ci si può recare presso le sedi delle questure in Italia (compilando il modulo richiesta passaporto dopo aver prenotato un appuntamento tramite il servizio online Agenda Passaporto) o presso le rappresentanze diplomatiche e consolari per i cittadini italiani residenti all’estero. È importante sapere che i tempi di attesa possono essere lunghi; quindi, è meglio muoversi con largo anticipo prima della partenza.

Al momento dell’appuntamento per il rinnovo del passaporto, bisogna presentare il modulo compilato, un documento di riconoscimento valido (carta d’identità o patente), due foto formato tessera identiche su fondo bianco (purché non si indossino occhiali colorati e la montatura non alteri la fisionomia del volto), la stampa della ricevuta inviata dal sistema dopo la registrazione dell’appuntamento sul sito, la ricevuta del pagamento di 42,50 euro per il passaporto ordinario e una marca da bollo amministrativo da 73,50 euro. Se si desidera conservare il vecchio passaporto scaduto, si può farne domanda al momento della richiesta di rinnovo.

Il tempo medio per ricevere il nuovo passaporto è di dieci giorni ma può variare in base alla città in cui si effettua la richiesta. È possibile delegare un’altra persona a ritirare il passaporto con una delega legalizzata.

Rinnovo del Passaporto Costi e Servizi Aggiuntivi

Dal 24 giugno 2014 non esiste più la tassa annuale per il passaporto ordinario da 40,29 euro: i costi da sostenere sono solo quelli del rinnovo (42,50 euro) e della marca da bollo amministrativa (73,50 euro). A partire dal 27 ottobre 2014 è stato introdotto il servizio Passaporti a domicilio (con un costo aggiuntivo di 9,05 euro da pagare in contrassegno al momento della consegna oppure direttamente all’incaricato di Poste Italiane), che permette di ricevere il documento rinnovato comodamente a casa propria.

“Entro 30 giorni è possibile ritirarlo presso l’ufficio postale presentando un documento di identità del destinatario o di un’altra persona delegata e una copia firmata del documento. In caso di indirizzo errato, l’Ufficio passaporti emittente riceverà il documento riconsegnato da Poste Italiane. Se la busta verrà smarrita, Poste Italiane rimborserà 50 euro al destinatario che dovrà pagare solo il bollettino di 42,50 euro per ottenere un nuovo passaporto.”

Rinnovo del passaporto in caso di furto, smarrimento o pagine esaurite

Può succedere che il passaporto venga perso, rubato o che le pagine si finiscano. In questo caso non è possibile ottenere un duplicato ma bisogna richiedere un nuovo passaporto.
La procedura da seguire e i documenti da presentare sono gli stessi per il normale rinnovo con l’aggiunta, in caso di smarrimento o furto, di una denuncia presentata ai Carabinieri o alla Polizia.
Rinnovo del passaporto in caso di deterioramento
Se è necessario richiedere un nuovo passaporto a causa del deterioramento, insieme ai documenti necessari bisogna restituire il vecchio passaporto che verrà annullato e restituito insieme al nuovo documento. In questo caso, se sul vecchio passaporto ci sono ancora dei visti validi, possono essere presentati in frontiera esibendo anche il vecchio passaporto.

Passaporto: rinnovo urgente

Può capitare di dover partire improvvisamente e scoprire che il passaporto è scaduto, ha una validità inferiore ai sei mesi o non viene più trovato. In questi casi è prevista una procedura per il rinnovo urgente che permette di ridurre i tempi di attesa e prevede il rilascio di un passaporto temporaneo.

È importante sottolineare che questa richiesta può essere fatta solo per casi eccezionali e comprovate emergenze come viaggi improvvisi per motivi di lavoro o studio, motivi sanitari o impedimenti fisici che hanno reso impossibile fare il passaporto in tempo. In ogni caso, l’urgenza sarà valutata dal responsabile dell’ufficio che deciderà se accettare la procedura.

Il passaporto temporaneo ha una validità ridotta (di un anno o meno) ed è costituito da un libretto con 16 pagine senza microchip e senza la necessità di rilevare le impronte digitali.

  • I documenti necessari per la richiesta sono:
  • Un documento di identità valido;
  • 2 fototessera identiche e recenti;

La ricevuta di pagamento di 5,20 euro per il passaporto temporaneo da effettuare esclusivamente negli uffici postali di Poste italiane utilizzando un bollettino ordinario sul conto corrente n. 3810521 intestato a: Ministero dell’Economia e delle Finanze.

  • Sulla causale bisogna scrivere: “importo per il rilascio del passaporto elettronico” (attenzione a non utilizzare bollettini precompilati poiché sono predisposti per pagare l’importo ordinario di 42,50 euro);

Il vecchio passaporto, se viene richiesto il rinnovo per scadenza o deterioramento.

Il passaporto per i minori

Dal 26 giugno 2012, non è più possibile iscrivere i minori sul passaporto dei genitori e quindi devono viaggiare in Europa e all’estero solo con un proprio documento di viaggio. I passaporti dei genitori con l’iscrizione dei figli minori rimangono validi fino alla scadenza.

Per garantire maggiore individualità e sicurezza ai minori cittadini italiani, la legge prevede che i loro passaporti abbiano due tipologie diverse di validità per l’aggiornamento della foto e l’identificazione durante i controlli:

  • Validità di 3 anni per i minori da 0 a 3 anni;
  • Validità di 5 anni per i minori dai 3 ai 18 anni.

Rinnovo del passaporto per i minori

Per richiedere il passaporto di un minore è necessario avere l’autorizzazione di entrambi i genitori (sposati, conviventi, separati, divorziati o genitori naturali) e che il minore sia cittadino italiano.

Inoltre, bisogna prenotare un appuntamento presso la questura, gli uffici dei commissariati, le stazioni di polizia o tramite il sito Agenda Passaporto della Polizia di Stato che può essere prenotato solo da un genitore registrandosi a suo nome.

Tutta la documentazione deve essere a nome del minore:

  • Domanda per il passaporto;
  • Documento di identità valido del minore e copia del documento (in alternativa il genitore può autocertificare che il minore è suo figlio secondo quanto stabilito dal DPR 445/2000 legge Bassanini);
  • 2 foto tessera identiche e recenti su sfondo bianco (se indossa occhiali da vista, può tenerli purché le lenti non siano colorate e la montatura non modifichi la fisionomia del volto);
  • Un’imposta governativa (marcha da bollo) di 73,50 euro da acquistare presso il tabaccaio;
  • La ricevuta di pagamento di 42,50 euro per il passaporto ordinario a nome del minore indicando nella causale “importo per il rilascio del passaporto elettronico”, da effettuare esclusivamente presso gli uffici postali di Posteitaliane tramite bollettino sul conto corrente n. 67422808 intestato a: Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro;
  •  La stampa della ricevuta inviata dal sistema dopo la registrazione sul sito Agenda Passaporto.
  • Il minore deve essere presente all’appuntamento in modo da poter verificare la foto.
  • Le impronte digitali verranno prese solo dai 12 anni in poi.

Il passaporto per entrare negli Stati Uniti d’America

Il viaggio verso gli Stati Uniti richiede una pianificazione accurata, soprattutto per quanto riguarda la documentazione necessaria. Oltre al passaporto elettronico, che è obbligatorio dal 2016, è fondamentale ottenere l’autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization) se si prevede di visitare gli Stati Uniti per affari o vacanza.

Passaporto per gli Satiti Uniti L’autorizzazione ESTA

L’autorizzazione ESTA elimina la necessità di richiedere un visto, semplificando il processo di ingresso. Tuttavia, è importante notare che questa autorizzazione è valida solo in determinate circostanze. Il viaggio deve essere esclusivamente per affari e/o turismo, la permanenza negli Stati Uniti non può superare i 90 giorni, e è essenziale avere un biglietto di ritorno già confermato.

La procedura per ottenere l’autorizzazione ESTA è chiara e va completata prima dell’imbarco verso gli Stati Uniti. Il rilascio avviene online tramite l’autorità statunitense, e l’utente deve effettuare il pagamento di una tassa di 14 dollari, anch’essa gestibile online.

Passaporto per gli Satiti Uniti aggiornamenti

Per rimanere informati su eventuali aggiornamenti e ottenere tutte le informazioni necessarie, è consigliabile fare riferimento all’Ambasciata americana in Italia. La collaborazione con le autorità competenti assicura un processo fluido e senza intoppi per garantire un viaggio sicuro e conforme alle normative vigenti.

Passaporto per il Regno Unito

Dal 1° ottobre 2021, sono state introdotte nuove normative post-Brexit riguardanti l’ingresso nel Regno Unito, e diventa fondamentale comprendere le modifiche per garantire un viaggio senza intoppi. Una delle principali novità è la necessità di utilizzare un passaporto valido per entrare nel paese.

Prima di tutto, è importante sottolineare che queste normative rappresentano un cambiamento significativo rispetto al passato, quindi è essenziale essere informati e preparati prima di intraprendere un viaggio nel Regno Unito.

Passaporto Valido per il Regno Unito : Un Requisito Indispensabile

La novità principale è l’obbligo di possedere un passaporto valido per l’ingresso nel Regno Unito. Ciò significa che altre forme di documenti di viaggio, come la carta d’identità, potrebbero non essere più accettate come valida prova di identità.

Entrata in Vigore delle Nuove Normative: 1° ottobre 2021

Il 1° ottobre 2021 rappresenta una data di fondamentale importanza poiché segna l’entrata in vigore delle nuove normative post-Brexit per l’ingresso nel Regno Unito. A partire da questo giorno, tutte le modifiche e i requisiti associati diventano pienamente operativi, imponendo ai viaggiatori diretti nel Regno Unito di adeguarsi scrupolosamente a tali disposizioni.

Ogni individuo che intende varcare i confini britannici è tenuto a rispettare rigorosamente le nuove regole a partire dalla data specifica del 1° ottobre 2021. Ignorare queste nuove disposizioni potrebbe causare inconvenienti e ritardi significativi all’arrivo, poiché le autorità doganali e di immigrazione britanniche applicheranno con rigore le nuove norme.

Adattamento di Prenotazioni e Piani di Viaggio Regno Unito

Per coloro che hanno programmato un viaggio nel Regno Unito, è essenziale apportare le dovute modifiche alle prenotazioni e ai piani di viaggio. Questo processo implica una revisione approfondita delle prenotazioni esistenti, garantendo che siano conformi alle nuove disposizioni, compreso l’uso di un passaporto valido.

Questo adattamento non riguarda solo il documento di viaggio, ma potrebbe coinvolgere anche eventuali documenti addizionali richiesti dalle nuove normative, come prove del motivo del viaggio o prenotazioni confermate.

Informazioni Regno Unito e Aggiornamenti Costanti

Per rimanere costantemente informati su eventuali cambiamenti successivi o ulteriori dettagli, è consigliabile consultare regolarmente le fonti ufficiali, come le ambasciate o i consolati britannici. Mantenere un’attenzione costante su eventuali aggiornamenti assicurerà che i viaggiatori siano sempre al corrente di tutte le informazioni cruciali per un ingresso senza problemi nel Regno Unito.

Questa pratica di aggiornamento costante è particolarmente importante in un contesto in cui le normative possono subire cambiamenti e adattamenti nel tempo. Per evitare sorprese indesiderate, il monitoraggio continuo delle fonti ufficiali è fondamentale per garantire una preparazione adeguata e un viaggio senza intoppi attraverso i controlli di frontiera britannici.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *